Mirù – Ghemme Vigna Cavenago 2011

Le strade che conducono a Ghemme fanno parte di un ebbro pellegrinaggio dove in pochi ancora si avventurano, a tratti pare tutto sia rimasto immobile, sembri entrato in un tempo d’altri dove nessuno ti offrirà un’immagine piatta per famiglie o un discorsetto da volantino, piuttosto un calice insieme e vite da ascoltare. Le persone, il territorio, sono come i vini, un eremo nei suoli morenici estraneo alla triste compulsione modernista che bypassa la storia per giungere al degustatore tra pareti di vetro e finti capitelli.

Rappresentano un passaggio fuori dalle angosce odierne senza alcunchè d’illusorio, i riflessi granati e l’ampiezza aromatica si avvicinano alla sofferenza, decostruendola con garbata rispondenza al vero.

Il Vigna Cavenago 2011 di Mirù è quel calice riassumente decenni di cambiamenti e determinazione, carico di tradizione, un passaggio ininterrotto tra il presente ed il passato. Lo aspetteresti in eterno se non fossi guidato dallo sconforto di averne una sola bottiglia che ti corrompe anche l’anima per essere aperta.

È uno di quei vini che in uno stato di coscienza dilatata, mette a fuoco le diversità di un luogo e di un produttore esaltandone ogni aspetto peculiare, che consacrano la degustazione ad un momento saturo di senso. È quella bottiglia che non troverai mai senza ricerca, condizione imposta dai numeri e dalla volontà di interfacciarsi ad un viaggio che abbandona i classicismi del Nebbiolo come solista.

È frutto di una vinificazione in vecchie botti di rovere di Slavonia, 85% Nebbiolo e 15% Vespolina. Porta al calice un abito rubino dai riflessi granata, apre su toni floreali e di kirsch, di ribes nero, china e cuoio. Incedono successivamente i caratteri terrosi, di tabacco, cacao ed erbe officinali. Il sorso è coerente, teso, sapido e di notevole finezza tannica. Nebbiolo e Vespolina creano una giustapposizione dal volgimento inesauribile, sintesi emozionante e mnemonica che riporta a pensieri e volti che pensavo abbandonati alla memoria, in uno stato di immediata piacevolezza che non richiederebbe parola alcuna.

Una opinione su "Mirù – Ghemme Vigna Cavenago 2011"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: